Proseguire nella navigazione di questo sito web comporta l'implicita accettazione della Privacy policy e della Cookie policy

Hai valutato l’opportunità di adottare un Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001?

Il D.Lgs n. 231/2001 disciplina un regime di responsabilità amministrativa a carico degli Enti per alcuni reati commessi, nell'interesse o vantaggio degli stessi, da persone fisiche che rivestono funzioni di rappresentanza, amministrazione e direzione.

Anche gli Enti del Terzo Settore, in particolar modo a seguito della riforma introdotta dal D.Lgs. n. 117/2017, dovranno prestare attenzione al rispetto dei principi di corretta amministrazione, e valutare pertanto l’opportunità di adottare un Modello di Organizzazione Gestione e Controllo 231 (MOG).

Diventa molto importante liberarsi dalla responsabilità amministrativa per determinati reati commessi da parte da soggetti apicali, in modo tale da evitare conseguenze dannose per l’Ente, quali ad esempio sanzioni pecuniarie, confische, o la possibilità di partecipare a gare di appalto e usufruire di contributi pubblici.

Soprattutto per quanto riguarda i rapporti con la Pubblica Amministrazione, l’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) ha individuato l’osservanza del D.Lgs. 231/2001 tra i requisiti che le stazioni appaltanti devono verificare per l’affidamento in gestione di taluni servizi ad Enti del Terzo Settore.

Il Rating di legalità è utile non solo nei rapporti con la Pubblica Amministrazione ma anche per godere di condizioni agevolate con gli Istituti di Credito.